treccia francese dal basso verso l alto-@behindthechair_com

Luca Petrone

3 nuove idee per chi è alla ricerca di una treccia per capelli perfetta, gli stili più comuni e come farli

Le trecce, come stile di acconciatura per capelli, sono una moda che si tramanda da secoli. Gli storici ne hanno trovato tracce risalenti ai tempi degli Egizi, dei Romani, dei Greci, ma anche in Africa e in America. Il loro significato ed il loro utilizzo nel corso della storia umana cambia a seconda del periodo storico e della cultura di cui faceva parte, per esempio, in Africa, vi erano specifiche trecce che rappresentavano il ruolo sociale della persona che le indossava e, a volte, anche l’etnia di appartenenza.

Per i nativi americani, invece, le trecce, intrecciate ad elementi della natura come piume e perline fatte con pietre, legno e altri materiali naturali, rappresentavano proprio la profonda connessione e il grande rispetto che questi popoli provavano per il loro territorio e le sue risorse. Nelle nostre civiltà classiche, le trecce erano utilizzate per esprimere uno status; nell’antica Roma, per esempio, sia uomini che donne di alto rango potevano portare delle trecce intrecciati con fili d’oro o d’argento per dimostrare la loro ricchezza.

Insomma, intrecciare i propri capelli è una scelta ripetuta da sempre nella storia e che continuiamo tutt’oggi a sperimentare con questa acconciatura! Oggi parleremo delle tre tipologie più classiche di trecce e come farle!

Treccia olandese

dutch braid morbida-@sabrinadijkman
dutch braid morbida-@sabrinadijkman

La treccia olandese è tra le più tradizionali, comoda e pratica, è uno stile versatile che può rimanere sia sul semplice ed elegante, che essere arricchito ed adornato con piccoli accessori per i capelli per donare un look molto più pomposo ed evidente! Oltre ad essere bella da vedere, la treccia olandese (un po’ come tutte le trecce in generale) tende ad essere un’ottima soluzione nel momento in cui avete la necessità di mantenere i vostri capelli in modo ordinato ma non volete optare per una classica coda di cavallo. In alcuni casi, infatti, la treccia è un’ottima alternativa per quei capelli mossi che anche se legati possono dare l’impressione di essere comunque in disordine. In un contesto lavorativo, questo potrebbe essere un problema. È qui che la treccia olandese diventa un’ottima opzione per rimanere eleganti e professionali!

Prima di tutto, è importante che i capelli siano pettinati e non presentino nodi, poiché le ciocche devono essere libere e facili da gestire! Una volta districati i capelli, dividete in tre ciocche uguali i capelli sulla parte superiore della testa. Dopodiché, passate la ciocca destra sotto a quella centrale seguendo con poi la ciocca sinistra, continuate con questo movimento alternando le ciocche laterali. È importante ricordarsi che questo è il passaggio della treccia olandese, per questo le ciocche vengono passate sotto, in una treccia classica, andrebbero passate sopra. Una volta arrivate alle punte, legate il tutto con un elastico per capelli.

Treccia francese (dal basso verso l’alto)

treccia francese dal basso verso l alto-@behindthechair_com
treccia francese dal basso verso l alto-@behindthechair_com

Le trecce alla francese sono probabilmente tra le più comuni. A differenza dell’olandese, le ciocche laterali passano per sopra quella centrale e l’effetto è molto più piatto e stretto rispetto al volume della treccia olandese!

Oggi, vogliamo parlarvi di come fare una treccia francese che parte dal basso verso l’alto, per un look molto particolare ed esteticamente molto accattivante!

Ancora una volta, assicuriamoci che i capelli siano districati e pronti ad essere gestiti dalle nostre dita! Poi, parte molto importante, per questa treccia è necessario mettersi a testa in giù! Una volta fatto, dividete i capelli che partono dalla nuca in tre ciocche uguali! A quel punto, iniziate ad intrecciare i capelli, facendo passare le ciocche laterali sopra quella centrale ed alternando questo movimento aggiungendo man mano più capelli salendo lungo la linea del cuoio capelluto. Una volta arrivate in cima, legate i capelli con un elastico per capelli o, come la ragazza nella foto, potete improvvisare un nodo con il resto dei vostri capelli!

Per ottenere un buon risultato, è necessario che le ciocche siano intrecciate in modo stretto e deciso. Questo potrebbe metterci un po’ di pratica, ma il risultato finale ne vale sempre la pena!

treccia a spina di pesce-@treccia a spina di pesce-@braidedkatie
treccia a spina di pesce-@treccia a spina di pesce-@braidedkatie

Treccia a spina di pesce

Per questa acconciatura, bisogna dividere i capelli in due grandi ciocche e dividere quelle due in altre due ciocche di capelli più piccole. Il procedimento vuole che la parte esterna della sezione piccola della ciocca sinistra, si intrecci con la parte interna della seziona piccola della giocca destra, passandole sempre per sopra. Successivamente, le parti interne di una ciocca si intrecceranno con quella esterne dell’altra. In totale, dovresti star gestendo 4 piccole ciocche.  Per questo stile, suggeriamo di farvi aiutare!

Fonte: healthycolor.it