cagnolona Ara

Vincenzo Tiano

La cagnolona Ara e la padrona che le ha cambiato la vita

cani

Tutti nella vita meritiamo una seconda possibilità, soprattutto se si tratta di quei cuccioli a quattro zampe che vivono situazioni poco carine e momenti di grande dolore. Un esempio è la cagnolona Ara, dolcissima e ha vissuto in un canile per troppo tempo. A causa di questo lungo tempo non è più riuscita a fidarsi di nessuno ma per fortuna una donna davvero speciale ha deciso di intervenire.

La donna si chiama Remi ed è già la padrona di un altro bel cagnolone, ma non si è tirata indietro nell’adottare un secondo cane. Si è appunto recata presso il rifugio locale, dove ha incontrato Ara, la quale però viveva in uno stato di paura. Infatti, tremava tutto il tempo e non riusciva mai a fidarsi delle persone che le si avvicinavano. La donna ha deciso di sedersi accanto a lei per diverse ore e ha cercato di familiarizzare dandole cibo.

La storia di Ara

La realtà è che c’è voluto del tempo prima che Ara riuscisse a fidarsi e a sentirsi meglio. Il peggio non lo abbiamo ancora raccontato. Nel momento in cui Ara doveva essere portata a casa per farle conoscere anche l’altro cagnolone, c’è stata una tragedia. Farla salire in macchina è stato davvero complicato, soprattutto per la cagnolona non riusciva a capire nulla. Finalmente arrivata a casa ha incontrato anche l’altro cucciolone, il quale non era affatto turbato della presenza della sua nuova amica.

Ovviamente ci sono volute settimane prima che la cagnolona si sentisse al proprio agio nella nuova casa ma per fortuna i due cuccioli sono diventati molto amici. Ad oggi nessuno dei due riesce a fare a meno della presenza dell’altro, si divertono e si amano in un modo davvero meraviglioso. Sono tantissimi i cani che vivono all’interno di canili tristi ed è straordinario poter dare loro serenità e libertà. Ara è stata davvero fortunata e questo ci fa sperare che ci siano più persone come Remi pronte ad adottare i cuccioli più sfortunati. In basso, un video dolcissimo da guardare.