i

Continuando la navigazione sul nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie per misurare e personalizzare la tua esperienza. Per saperne di più.

La storia di Enel

ENEL, acronimo di Ente Nazionale per l’Energia Elettrica, è stata monopolista nel settore elettrico italiano fino all’inizio del processo di liberalizzazione, avvenuto nel 19999. Nonostante la liberalizzazione, Enel si è confermata leader del mercato, e grazie a acquisizioni e investimenti nel corso degli anni, si è diversificata dai competitori e ha ampliato sia la sua offerta, e crescendo ha iniziato ad operare anche a livello globale. Ad oggi Enel è una multinazionale che opera globalmente nei settori dell'elettricità e gas. Il gruppo è presente in 35 paesi nei 5 continenti e produce energia con una capacità di quasi 85 GW di potenza installata, con un parco centrali molto diversificato. Enel fornisce oltre 63 milioni di utenze finali nel mondo ed è tra le principali aziende europee per capacità elettrica installata. Tra i principi cardine di questa società ritroviamo innovazione, sostenibilità ambientale e sostenibilità sociale. Come sono evolute le offerte di Enel Energia con l'arrivo della concorrenza? Ma sopratutto, come è nato questo fenomeno? La nascita di ENEL risale al 1962, da un accordo tra i due principali partiti politici di allora, quello democristiano (DC) e quello socialista (PSI) che aveva l’obiettivo di nazionalizzare il settore elettrico italiano. Questo patto politico prevedeva che le aziende produttrici, commerciali e distributive di energia elettrica, congiuntamente alle aziende operanti nei settori connessi a tali attività, venissero nazionalizzate e ricevessero in cambio un apposito indennizzo da parte dello Stato. Edison, Sip, Sade, Centrale, Società Romana di Elettricità e Società Meridionale di Elettricità furono tra le aziende nazionalizzate che fornivano energia secondo un criterio di territorialità.  Durante l’inizio degli anni ‘90, in seguito a cambiamenti politici, vennero poste le basi giuridiche per giungere poi alla legge Bersani del 1999, che prevedeva la privatizzazione del settore elettrico. Oggigiorno, nonostante Enel sia una società per azioni e non più un ente pubblico, la stessa è tuttora sono il controllo del Ministero dell’Economia (ne detiene il 31,2%).  Attualmente Enel ha circa 31 milioni di clienti, ed è leader per quanto riguarda sia la produzione che la distribuzione di energia elettrica, e uno dei maggiori attori nel settore del gas. Inoltre, con la nascita di Enel Green Power, la società gestisce una capacità di 27.761 MW (di cui 14 provenienti solo da fonti rinnovabili).  Ben conosciuta anche a livello internazionale, Enel ha più di 60.000 dipendenti in tutto il mondo, e nel 2017 ha totalizzato un ricavo pari a €74,6 miliardi. Inoltre, è anche leader europea nel campo delle Smart Grids, leader italiana dei sistemi di illuminazione stradale a LED, segue molti progetti innovativi e sta investendo sempre più nelle energie rinnovabili. 

Enel: Mercato libero e Servizio di Maggior tutela

Nel gruppo Enel esistono due società di vendita al cliente finale. Una si chiama Servizio Elettrico Nazionale ed opera nel regime di maggior tutela e l'altra si chiama Enel Energia che opera nel mercato libero.

Enel nel Servizio di Maggior Tutela: Servizio Elettrico Nazionale

Enel Energia è la società del gruppo Enel (di cui fa parte anche e-Distribuzione, ex Enel Distribuzione) che vende energia elettrica e gas naturale ai clienti finali nel Mercato Libero. All'interno del Servizio di Maggior Tutela, invece, la società del gruppo Enel che agisce nel settore energetico si chiama Servizio Elettrico Nazionale. La società Servizio Elettrico Nazionale (ex Enel Servizio Elettrico) vende solo energia elettrica alle condizioni del servizio di maggior tutela e quindi con prezzi definiti trimestralmente dall'Autorità per l'energia. Servizio Elettrico Nazionale opera solo nelle zone dove e-distribuzione (il principale distributore di energia in Italia) gestisce la rete elettrica, ovvero su buona parte del territorio nazionale. Il regime tariffario del servizio di maggior tutela sarà abolito nel 2020, portandosi quindi con sé anche Servizio Elettrico Nazionale.

Le aree di attività di Enel: produzione, distribuzione e vendita

  • Attività commerciali
Il Servizio Elettrico Nazionale è l’ente che si occupa delle attività commerciali sia di elettricità che di gas, e più precisamente, si occupa di vendere l’energia nel mercato a maggior tutela. Invece, Enel Energia spa si occupa della vendita nel mercato libero ai consumatori finali.
  • Attività di produzione "tradizionale"
Enel Produzione si occupa dell’attività di generazione dell’energia tradizionale, attraverso impianti a gas, carbone e idroelettrici.
  • Attività di produzione da fonti rinnovabili
Enel Green Power si occupa dell’attività di generazione di energia proveniente da fonti rinnovabili, come ad esempio impianti idroelettrici non programmabili, eolici, solari e geotermici.
  • Attività di approvvigionamento
Enel Trade è l’ente responsabile dell'attività di approvvigionamento di materie necessarie per il gruppo Enel e anche per quello di vendita sul mercato all’ingrosso. 
  • Attività di gestione e distribuzione
E-distribuzione si occupa della distribuzione di energia elettrica; si occupa inoltre del collegamento tra produttori e clienti finali e anche del trasporto e della trasformazione dell’energia. 
  • All'internazionale
Enel oggigiorno è presente in più di 30 Stati, soprattutto in Spagna, dove dal 2007, dopo aver acquisito l’azienda Endesa, opera in tutta la filiera energetica. Lo è anche in Sud America e negli Stati Uniti dove possiede molti impianti rinnovabili, ma anche in Russia e Slovacchia, dove gode di numerosi impianti di produzione.

Gli azionisti di Enel

Enel, nonostante il processo di privatizzazione, è controllata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze italiano, che ha voti sufficienti per esercitare una notevole influenza durante le assemblee ordinarie. Il sopracitato ministero, tuttavia, non esercita  attività di coordinamento o di amministrazione, in quanto Enel è pienamente autonoma per quanto riguarda decisioni gestionali, nel rispetto delle competenze dei propri organi, in accordo al Decreto Legge n. 78/2009.  Lo statuto di Enel spa afferma che, al di fuori dello Stato, di altri enti pubblici e di soggetti che ne controllano l’attività, nessun azionista possa possedere una partecipazione maggiore del 3% del capitale sociale (sia che si tratti di possederle direttamente o indirettamente). Dal 1999 Enel spa è quotata in Borsa, insieme ad altre società del gruppo.

Enel Abruzzo

Contatta Enel della regione Abruzzo

Enel Basilicata

Contatta Enel della regione Basilicata

Enel Calabria

Contatta Enel della regione Calabria

Enel Campania

Contatta Enel della regione Campania

Enel Emilia-Romagna

Contatta Enel della regione Emilia-Romagna

Enel Friuli-Venezia Giulia

Contatta Enel della regione Friuli-Venezia Giulia

Enel Lazio

Contatta Enel della regione Lazio

Enel Liguria

Contatta Enel della regione Liguria

Enel Lombardia

Contatta Enel della regione Lombardia

Enel Marche

Contatta Enel della regione Marche

Enel Molise

Contatta Enel della regione Molise

Enel Piemonte

Contatta Enel della regione Piemonte

Enel Provincia Autonoma Bolzano

Contatta Enel della regione Provincia Autonoma Bolzano

Enel Provincia Autonoma Trento

Contatta Enel della regione Provincia Autonoma Trento

Enel Puglia

Contatta Enel della regione Puglia

Enel Sardegna

Contatta Enel della regione Sardegna

Enel Sicilia

Contatta Enel della regione Sicilia

Enel Toscana

Contatta Enel della regione Toscana

Enel Umbria

Contatta Enel della regione Umbria

Enel Valle d'Aosta

Contatta Enel della regione Valle d'Aosta

Enel Veneto

Contatta Enel della regione Veneto

Per saperne di più sulla nostra politica per il controllo, l’elaborazione e la pubblicazione di avvisi

Commento inviato!

Per saperne di più sulla nostra politica per il controllo, l’elaborazione e la pubblicazione di avvisi

Le mie procedure online Informazioni di contatto 02 94 75 67 37
Le mie procedure online Contatto : 02 94 75 67 37