Mercato libero e tutelato dell’energia: tutte le differenze

Tra poco dovrai scegliere un contratto luce e gas di Libero Mercato

Chiamata gratuita - Lunedì a venerdì - dalle 8:30 alle 19:00

Chiamaci e scopri quale ti conviene

Info

Sommario: Nel 2022 il mercato italiano dell’energia passerà a un nuovo regime detto regime di Libero Mercato, abbandonando il regime di Maggior Tutela, dove era l’Autorità a stabilire i prezzi.

In questo articolo andremo a scoprire come funzionano i contratti per l’energia in Italia e quali sono le differenze tra mercato libero e mercato tutelato, novità di questi ultimi anni destinata a soppiantare completamente il servizio di maggior tutela entro il 1 gennaio 2022. Ma andiamo per ordine.

Mercato energia: differenze tra libero e tutelato

Ricapitolando, ad oggi in Italia coesistono due diversi sistemi di gestione del mercato dell’energia: il servizio di maggior tutela ed il mercato libero. Andiamo a vederne le differenza in maniera chiara tramite una tabella riassuntiva:

Le differenze tra mercato libero e tutelato

Mercato tutelato

Mercato libero

Prezzo Unico per tutte le aziende, stabilito dallo stato
Nessun tipo di vincolo, sono le stesse aziende private a proporre il miglior prezzo al cliente
Ente di controllo ARERA Antitrust
Vantaggi Il prezzo non subisce impennate poiché soggetto a tutela da parte dello stato. Quasi totale assenza di servizi extra.
Maggiore autonomia di ricerca per il consumatore, che con la giusta offerta può risparmiare di più rispetto al regime tutelato e usufruire di vantaggi e servizi extra
Costi di gestione (contatore, imposte, ecc.) Fissi Fissi


Il mercato tutelato dell’energia

Quando si parla di mercato tutelato dell’energia, o servizio di maggior tutela dell’energia, ci si riferisce ad un sistema di distribuzione di luce e gas alla popolazione controllato nei costi dallo stato, più precisamente dall’ARERA, acronimo di Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambienti.

Questo ente statale ha avuto (ed ha ancora) il compito di stabilire le condizioni economiche e contrattuali tramite le quali i consumatori hanno accesso a luce e gas. Inoltre, il costo dell’energia elettrica e del gas viene rivisto trimestralmente in base all’andamento mondiale dei prezzi delle materie prime stesse.

Si parla quindi di tutela nei confronti del consumatore in quanto è un sistema regolato dallo stato che impedisce il verificarsi di prezzi fuori mercato e di impennate nei costi.

  • Il servizio di maggior tutela dell’energia è stato l’unico sistema con cui i cittadini italiani si sono potuti interfacciare fino alla fine degli anni ‘90.

Il mercato libero dell’energia elettrica e del gas

A partire dagli anni 2000, a seguito di un processo di liberalizzazione del mercato di luce e gas iniziato negli anni ’90, è stato introdotto il mercato libero dell’energia, che tuttavia non è andato a sostituire, bensì ad affiancare, il servizio maggior tutela.

Ma in cosa consiste questo nuovo sistema?

Il mercato libero, in poche parole, è una nuova realtà in cui non vige più il monopolio statale ma sono le singole aziende elettriche private a decidere prezzi e servizi da erogare al cliente, in una dimensione in cui è la concorrenza a fare da livella per gli utenti, liberi di scegliere il più conveniente per loro.

Queste aziende spesso sono presenti in entrambi i regimi di mercato, tuttavia sotto diverso nome, come regolamentato dallo stato. Ad esempio, con Enel mercato libero abbiamo un nome che è “Enel Energia”, mentre nel servizio di Enel maggior tutela diventa “Enel Servizio Elettrico Nazionale”. Stessa azienda, diverso nome e diverso prezzo (scopri in questo articolo le tariffe luce del mercato tutelato).

Ovviamente anche nel mercato libero dell’energia esiste un sistema di controllo, gestito dallo stato in collaborazione con Antitrust, che vigila sui fornitori di energia privati affinché vi siano procedure trasparenti e una corretta gestione dei prezzi.

Scopri come fare a passare dal regime Tutelato al Libero Mercato

02 94 75 67 37

Info

Quando avverrà la transizione totale al mercato libero?

Ad oggi, come già spiegato in precedenza, è possibile trovare cittadini con un contratto luce e gas appartenenti sia al regime di mercato tutelato che al regime di mercato libero. Entrambi i sistemi coesistono, ma ancora non per molto.

Come previsto infatti dal decreto legge milleproroghe, il 1 gennaio 2022 scadrà il termine ultimo per il passaggio al mercato libero. Di conseguenza il servizio di maggior tutela cesserà di esistere, lasciando il posto solamente al libero mercato.

Se hai in mente di cambiare il tuo contratto energia ma non sai bene come muoverti.

Mercato libero e tutelato: quale conviene?

Ad oggi, se parliamo di differenze mercato libero e tutelato, appare evidente come il servizio di maggior tutela suona molto come anacronistico. In un’era che tende sempre più ad essere liberale ma anche capitalistica, l’idea di un prezzo fisso e unico controllato dallo stato per il contratto di luce e gas non funziona più e non ha molto senso.

Le aziende private fornitrici di contratti energia si sono decuplicate negli ultimi anni ed è la logica del mercato e della concorrenza a fare da garante della vantaggiosità dell’offerta per il consumatore, oggi anche lui protagonista nella scelta del contratto migliore. Un po’ come accade da molti anni con il settore degli operatori telefonici.

Proprio perché in regime di mercato libero la concorrenza è abbondante, le compagnie energetiche sono stimolate a proporre offerte di qualità superiore a prezzi sempre più vantaggiosi.

I 2 principali vantaggi che possiamo riscontrare affidandoci al mercato libero sono:

  • la possibilità di avere servizi extra
  • la maggior responsabilità del consumatore che sceglie l’operatore che più lo soddisfa

I servizi extra nel mercato libero

I contratti energetici nel mercato libero hanno molti servizi extra e funzionalità in più rispetto a quelli nel mercato di maggior tutela, tra cui: assistenze dedicate e canoni unici che comprendono anche internet e telefono.

Maggiore responsabilità per il consumatore

Spesso i consumatori non hanno voglia di approfondire e ricercare la tariffa luce e gas migliore sul panorama nazionale. In questa logica di libero mercato, l’utente è coinvolto e attivo nella ricerca dell’operatore che meglio soddisfa le sue necessità. Sarà lui il responsabile della scelta dell’operatore e solo così potrà ottenere offerte vantaggiose.

Il passaggio al mercato libero: cosa cambia per l’utente?

Dal primo gennaio 2022 diremo addio in Italia ad un sistema di gestione dell’energia sicuramente obsoleto e superato (approfondisci qui la tematica scadenza).

Nonostante anche il mercato libero sia ormai in funzione da diversi anni, ancora molti milioni di cittadini non hanno effettuato lo switch ed il prossimo anno e mezzo sarà un periodo molto delicato, in cui bisognerà vigilare, grazie anche al lavoro di Antitrust, per fare in modo che tutti, anche i più anziani, possano accedere a questo nuovo regime nella maniera migliore e vantaggiosa possibile.

Se anche tu appartieni ancora al vecchio regime e sei alla ricerca della migliore offerta luce e gas disponibile sul mercato, vai all’articolo dedicato.

Scopri l’offerta di libero mercato che fa per te

Info

Redactor

Scritto da paoloa

Aggiornato su 13 Ott, 2020