Carrello con soldi e la scritta sconti

Luca Petrone

Quanto consuma un condizionatore? Il paragone tra inverno ed estate

Molte persone sono spesso confuse riguardo ai costi dell’aria condizionata, in particolare a causa di un mito popolare che suggerisce che raffreddare durante l’estate sia più costoso del riscaldare durante l’inverno. In realtà, il consumo energetico di un condizionatore dipende da molti più fattori:

  1. Dimensioni e modello del condizionatore: Le unità più grandi tendono a consumare più elettricità. I modelli più efficienti dal punto di vista energetico possono ridurre i costi.
  2. Frequenza di utilizzo: L’uso frequente del condizionatore comporta un maggior consumo energetico e, di conseguenza, costi più elevati.
  3. Tariffa elettrica oraria: Le tariffe elettriche variano a seconda del fornitore e della regione. Conoscere la propria tariffa oraria è fondamentale per calcolare i costi effettivi.
  4. Temperatura esterna: Le condizioni climatiche esterne influenzano il consumo energetico del condizionatore. In giornate molto calde, l’unità richiede più energia per raffreddare l’ambiente.
  5. Efficienza energetica: I condizionatori sono classificati in classi di efficienza energetica da A a G, con A che rappresenta la maggiore efficienza. Gli apparecchi di classe A sono generalmente più economici in termini di consumo energetico.

Considerare questi fattori può aiutare a comprendere meglio e gestire i costi associati all’uso dell’aria condizionata.

L’aria condizionata in inverno

In modalità di riscaldamento, è comune che un condizionatore d’aria consumi più energia rispetto alla modalità di raffreddamento. Il processo di generazione di calore richiesto per il riscaldamento richiede generalmente una quantità maggiore di energia rispetto al processo di semplice raffreddamento dell’aria. I costi energetici associati dipendono da diversi fattori, tra cui la tecnologia dell’unità, la sua capacità di riscaldamento, la temperatura esterna e la temperatura desiderata. È importante notare che l’utilizzo prolungato del condizionatore d’aria in modalità di riscaldamento può portare a un aumento significativo delle spese energetiche.

manovella termosifone-foto: pexels.com
manovella termosifone-foto: pexels.com

Quando utilizzi il condizionatore per il riscaldamento, regola opportunamente le impostazioni del termostato per risparmiare sui costi energetici. Mantenere il termostato a 20°C durante il giorno offre una temperatura abbastanza confortevole, soprattutto se indossi abiti adeguati. Questo è particolarmente vero se vivi in Italia, dove le temperature invernali sono generalmente più miti. Rendere confortevole la tua casa durante l’inverno è ancora più semplice se possiedi un cronotermostato. Consentendoti di impostare la temperatura desiderata in base alle tue abitudini, un termostato programmabile ti offre comodità e ti evita la tentazione di impostare una temperatura più alta.

Usare il condizionatore d’aria in inverno non è diverso dall’usarlo in estate. Puoi impostarlo su una temperatura che ritieni confortevole per garantire che la tua casa rimanga a una temperatura costante. Se in qualsiasi momento la tua casa inizia a sembrare soffocante, il tuo condizionatore porterà aria fresca e filtrata per alleviare il disagio. Ciò può essere particolarmente utile negli appartamenti che soffrono di surriscaldamento a causa del calore che sale dagli altri piani o in proprietà fortemente isolate. A differenza dei mesi estivi, probabilmente non avrai bisogno di far funzionare molto l’aria condizionata durante l’inverno. Tuttavia, utilizzarlo per un breve periodo ogni giorno, soprattutto se trascorri molto tempo a casa, può aiutarti a garantire un miglioramento della qualità dell’aria della tua casa.

L’aria condizionata in Estate

L’aria condizionata è stata pensata per l’estate, e raffreddare la tua casa sarà sempre (o quasi) più economico che riscaldarla. Ma come si può tuttavia cercare di abbattere i costi dell’aria condizionata, a prescindere dalla stagione?

Nel periodo di alta stagione, il tuo condizionatore di casa dovrà lavorare intensamente, il che potrebbe tradursi in un aumento delle bollette dell’aria condizionata. Tuttavia, ci sono semplici ma efficaci suggerimenti per ridurre i costi energetici durante l’estate e mantenere comunque un ambiente interno confortevole. Seguendo questi consigli, potrai affrontare le bollette con maggiore tranquillità.

calcoli-pixabay-Pexels.com
  1. Spegni di notte e risparmia mentre dormi:
    • Spegni l’aria condizionata di notte e approfitta della frescura naturale. Apri finestre e porte per consentire una leggera brezza.
    • Mantieni la temperatura a 68°F durante il giorno, una temperatura confortevole che consente di risparmiare energia.
  2. Termostati e timer: imposta e salva:
    • Imposta il termostato tra 22 e 24 gradi Celsius per ottenere il giusto equilibrio tra comfort ed efficienza energetica.
    • Considera l’acquisto di un termostato con timer per programmare le ore di funzionamento ottimali.
  3. Mettiti all’ombra e chiudi fuori il sole:
    • Utilizza tende, persiane o tende per bloccare il calore del sole e ridurre il lavoro del condizionatore.
    • Mantieni chiuse le finestre esposte al sole e considera la posa di alberi o arbusti per creare ombra naturale.
  4. Spegni gli apparecchi che emettono calore:Televisione, computer, stampante, lampade elettriche, forno da cucina… tutti questi elementi domestici emettono calore e costringono il tuo condizionatore a lavorare di più per mantenere la temperatura sotto controllo. Spegnili per ridurre immediatamente il consumo energetico del climatizzatore! Considera di spegnere le luci nelle aree non utilizzate della casa. Puoi anche staccare la spina dalla televisione o da altri elettrodomestici che emettono calore. Computer, tablet e stampanti, in particolare, generano calore significativo che può sovraccaricare il tuo condizionatore. Potrebbe anche essere l’occasione per promuovere la conversazione familiare!
  5. Scegli alternative di cottura elettrica:Riduci l’uso del forno interno durante i mesi estivi. Cucina all’aperto con il barbecue o opta per piatti freschi e non richiedenti cottura. L’uso del forno interno può contribuire al surriscaldamento della casa, aumentando così i costi dell’aria condizionata. Sperimenta con cucinare all’aperto, goditi deliziosi pasti freschi e riduci la necessità di raffreddare eccessivamente la tua abitazione.
  6. Mantieni l’unità pulita per contenere i costi:Una manutenzione regolare è cruciale per la riduzione dei costi dell’aria condizionata. Assicurati che il tuo condizionatore riceva manutenzione periodica e sostituisci o pulisci regolarmente il filtro. Un filtro sporco costringe l’unità a lavorare di più, aumentando il consumo energetico e i costi operativi. Mantenere l’efficienza del sistema attraverso la pulizia regolare è una pratica vantaggiosa per il risparmio energetico.