Bolletta luce spese materia energia: guida completa

Chiamaci e risparmia fino a 250€ all'anno sulle tue bollette della luce

Chiamata gratuita - da Lunedì a Venerdì: dalle 9.00 alle 20.00
Sabato: dalle 9.00 alle 17.00

Cambia fornitore o accedi alle offerte esclusive fuori mercato che i fornitori hanno dedicato ai nostri clienti.

Info


Sommario Bolletta luce spese materia energia: cosa sono e quanto incidono, Guida completa su come leggere la bolletta dell’energia elettrica partendo da questa voce.

Bolletta luce: quali sono le voci di spesa?

Ecco come sono ripartite le spese in bolletta:

  • Spesa per la Materia Prima Energia
  • Spesa per il Trasporto e la Gestione del Contatore
  • Spesa per gli Oneri di Sistema
  • Totale Imposte e IVA

per un totale di quattro voci principali.

La bolletta della luce è composta da varie spese: alcune si riferiscono a quote fisse mentre altre a quote variabili. Il totale della vostra bolletta dipende quindi dai consumi effettivi, ma anche da alcune quote fisse e oneri definiti dall’ARERA (come le spese materia energia), che è bene conoscere.

bollettaIl nostro articolo “Bolletta luce spese materia energia: guida completa” parte proprio da questa premessa, ponendosi l’obiettivo di spiegare a fondo cosa sono le spese per la materia energia. Prima di entrare nel dettaglio di questa voce di spesa, esponiamo brevemente la struttura generale della bolletta della luce (che, buona notizia, rimane uguale a prescindere dal fornitore che andrete a scegliere).

L’interesse della nostra guida verte sulla prima, ossia sulle spese per la materia energia Enel, Eni, Sorgenia ecc…(sempre uguale a prescindere dal fornitore che andrete a scegliere). Addentriamoci nei dettagli di questa spesa.

Spese materia energia: cosa sono?

Questa voce di spesa della bolletta luce comprende gli importi fatturati relativamente alle diverse attività svolte dal venditore per fornire l’energia elettrica al cliente finale.

Per il settore elettrico comprende le voci relative:

  • all’acquisto dell’energia
  • al dispacciamento (il servizio che garantisce in ogni istante l’equilibrio tra la domanda e l’offerta di energia elettrica)
  • e alla commercializzazione al dettaglio (legata alla gestione dei clienti)
  • più eventuali importi fatturati relativi alle componenti dei meccanismi perequativi dei costi di approvvigionamento (che spieghiamo più avanti).

Importante:

Nella spesa della materia prima energia si riversa anche il costo a cui pagate l’energia elettrica, per questo è una discriminante perfetta per aiutarvi nel confronto delle offerte del Mercato Libero e Tutelato. Per farlo al meglio, vi segnaliamo qui il Portale Offerte messo a disposizione da ARERA. 

Spese materia energia: cosa cambia dal Mercato Libero al Mercato Tutelato

Le Spese per la Materia Prima Energia cambiano a seconda che siate clienti del Mercato Libero o del Mercato Tutelato:

  • nel Servizio di Maggior Tutela è l’ARERA a stabilire trimestralmente il prezzo della componente energia, tenendo conto dell’andamento del mercato energetico.
  • nel Mercato Libero, invece, alcuni costi relativi alla materia prima sono decisi dalla società di vendita e specificati nel contratto di fornitura.

Proprio per questo motivo, questa è la spesa su cui i fornitori si fanno effettiva concorrenza. Inoltre, per i clienti serviti in Maggior Tutela che hanno scelto l’addebito automatico, la voce comprende anche l’applicazione dello sconto per tale formato di emissione.

Chiarito cos’è in concreto la Spesa per la Materia Prima Energia, passiamo alla lettura della bolletta, quindi a capire dove si trovano i dettagli relativi a questa prima voce.

Spese materia energia: dove si trovano?

spese materia energiaLe spese per materia energia sono facilmente identificabili in bolletta, perché si trovano in prima pagina e sono messe in evidenza da un grafico a torta, che ne sottolinea le diverse componenti.

Il prezzo della materia energia è costituito da una quota fissa e da una quota energia.

La quota fissa comprende gli importi da pagare in misura fissa, cioè che non dipendono dai consumi. In tale quota confluiscono:

  • il prezzo di commercializzazione (PCV) per coprire i costi fissi di gestione commerciale
  • e il prezzo del dispacciamento (parte fissa) che si applica sia ai clienti del Mercato Tutelato che Libero, indipendentemente dai loro consumi. 

La quota energia comprende i costi d’acquisto dell’energia, di dispacciamento e di perequazione sostenuti dal fornitore:

  • prezzo dell’energia per la copertura dei costi sostenuti per l’acquisto dell’energia elettrica. Nel Mercato Tutelato viene fissata ed aggiornata ogni tre mesi dall’ARERA, nel Mercato Libero viene liberamente decisa dai fornitori in base alle regole di concorrenza all’interno del mercato.
  • prezzo del dispacciamento che gestisce l’equilibrio tra la domanda e l’offerta di energia elettrica, ovvero l’equilibrio tra l’energia immessa nelle reti e quella prelevata. Anche questo viene fissato ed aggiornato ogni tre mesi dall’ARERA.
  • componente di dispacciamento (parte variabile), che si applica sia ai clienti che hanno diritto al Servizio di Maggior Tutela, ovvero i clienti domestici e le PMI, anche qualora siano passati al Mercato Libero. La parte variabile viene addebitata al cliente in proporzione al consumo annuo.
  • prezzo della perequazione che garantisce che i costi pagati per energia e dispacciamento siano gli effettivi costi sostenuti dal fornitore. Non si applica ai clienti con contratto nel Mercato Libero.

Terminiamo la nostra guida con due ultime precisazioni riguardo la Bolletta 2.0 o Bolletta Web le spese per la materia prima energia: gli oneri di attualizzazione e le perdite di rete.

Se vuoi risparmiare sulla bolletta, chiamaci gratis oggi stesso! Più di 560.000 persone l’hanno già fatto!

02 94 75 67 37

Info

Spese Materia Energia: oneri di attualizzazione e perdite di rete

Cosa sono gli Oneri di Attualizzazione nella Spesa Materia Energia?
Gli oneri di attualizzazione a volte sono indicati anche come oneri di indicizzazione. Si tratta di una componente che può essere presente quando scegliamo una tariffa a prezzo variabile.

Cosa sono le Perdite di Rete?

Sono tutte quelle perdite naturali di energia che si verificano durante il trasporto dell’energia elettrica dalla centrale ai luoghi di fornitura. L’ammontare di tale perdite è fissato dall’ARERA: oggi tali perdite sono fissate per le utenze in bassa tensione al 10,4% dell’energia prelevata.

Quando si sottoscrive una tariffa luce, spesso il prezzo non include le perdite di rete:

  • nel Mercato Tutelato il prezzo delle perdite è compreso nel prezzo dell’energia stabilito dall’ARERA
  • viceversa nel Mercato Libero il prezzo delle perdite è fatturato separatamente dal prezzo dell’energia

Infine, vi rimandiamo ai seguenti articoli per un approfondimento su altri fattori relativi alla vostra bolletta della luce, come:

Vuoi una mano per risparmiare sulla bolletta? Chiama gratis al seguente numero

Info

 

 

 

Redactor

Scritto da CarolinaD

Aggiornato su 11 Gen, 2021